Il disordine dell'acqua

Il disordine dell'acqua

«Erano imprevedibili. Spesso non riuscivo a tapparmi il naso perché si susseguivano a breve distanza e detestavo perdere il controllo oltre ad avere l’acqua nel naso.»

Questa è la storia di un anno della vita di Clara e del suo incasinato mondo fatto di sesso, figli, flashback e dipendenze. Fatto di un odio smisurato per l’acqua. Peccato che Clara sia nata, viva e lavori a Venezia.

Questa è una storia bizzarra, scandita da regole precise: un po’ come il rugby, un po’ come la vita. Un mondo dove non a caso la fine di tutto è una meta. E dove non a caso quella meta finale spesso significa oltrepassare una linea. Trovare ciò che a lungo si è cercato e superare un limite: il proprio. O almeno, provarci.

Prodotti correlati